Barbara D’Urso : ecco perché non pago gli alimenti al mio ex

Barbara D’Urso spiega perchè non paga gli alimenti.

Fa scalpore il caso di Barbara D’Urso denunciata dall’ex marito Michele Carfora per mancati alimenti. Il ballerino lamenta 40 mila euro di assegni di mantenimento non versati. I due si erano sposati tredici anni fa e separati dopo meno di quattro anni. In fase di separazione, il giudice aveva disposto che la conduttrice tv pagasse mille euro al mese all’ex, ma contro questa decisione pende un ricorso. Barbara D’Urso ha fatto sapere che non vuole passare per “una che non rispetta la legge”. Ha detto: «Non posso essere considerata il carnefice mentre in realtà sono la vittima: il mio ex marito non solo mi ha tradito, tanto da indurmi a chiedere la separazione con addebito, ma si è rifatto una vita con un’altra donna dalla quale ha avuto una figlia che ora ha tre anni». In generale, suona ancora strano che sia il marito a ricevere gli alimenti e non la moglie, ma il codice tutela il “coniuge debole”, non le mogli in quanto tali e le coppie in cui lei guadagna più di lui sono sempre più diffuse. Nel 9 per cento delle famiglie italiane, la più ricca è lei (e nell’11 per cento dei casi, lei è anche più grande d’età). I dati risalgono a uno studio del 2012. «Succede sempre più spesso che si presentino clienti dove è lui a chiedere il mantenimento», conferma l’avvocato divorzista Daniela Missaglia.

Gli uomini non hanno pudore a chiedere di essere mantenuti?

«Tutt’altro. Anzi, più siamo nell’High Society, meno i mariti si fanno scrupolo a farsi avanti».

E i giudici come reagiscono?

«La lettera della norma stabilisce solidarietà al coniuge meno forte, però quando si parla di “mantenimento dello stesso tenore di vita”, è chiaro che se un reddito è da dividere fra due persone che non convivono più, entrambi devono ridimensionare le proprie abitudini».

barbara d'urso

Sorgente: Barbara-d-urso-divorzio-carfora-alimenti

This Post Has Been Viewed 125 Times

Precedente Perchè la luna diventa blu Successivo Singapore, una discarica da record. Che attrae anche turisti