17 falsi Siti Enel chiusi dalla polizia postale

Chiusi 17 falsi siti Enel

Diciassette falsi siti web dell’Enel vengono chiusi in queste ore nell’ambito di una vasta operazione della Polizia di Stato scattata stamattina. Nei falsi siti , spiega la Polizia postale ,i celava un pericoloso virus informatico che aveva mietuto vittime tra privati cittadini e soggetti pubblici: la truffa consisteva nell’ invio di e-mail, apparentemente inviate dalla società Enel Spa, contenenti link che una volta cliccati erano in grado di infettare irreversibilmente i pc della vittima.

In particolare, spiega una nota della Polizia, «nelle ultime settimane si era assistito ad un massiccio incremento della campagna di diffusione del malware noto come Cryptolocker. Si tratta di un trojan comparso intorno alla fine del 2013 ed è una forma di ransomware che infetta i sistemi Windows, criptando i dati della vittima e richiedendo un pagamento per la decriptazione, in genere non meno di 300 euro». «La somma – prosegue la nota – spesso deve essere pagata in Bitcoin, una moneta virtuale che non viene controllata da alcuna autorità centrale, ma viene gestita autonomamente attraverso i siti di cambio (oggi un Btc vale circa 220 euro)».

La segnalazione di questa nuova campagna – spiega inoltre il comunicato – era giunta al sito www.commissariatodips.it che aveva immediatamente provveduto ad allertare la competente unità del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

L’elenco dei falsi siti Enel ospitanti il malware comprende: enel24.net, enel24.org, enelservizio.com, enelservizio.net, enel24.com, enel-elettrico.org, enel-elettrico.com, enel-elettrico.net, enelelettrico.org, enelelettrico.com enelelettrico.net, enel-italia24.net, enel-italia24.com enelitalia-servizio.net, enelitalia-servizio.org, enelitalia-servizio.com, enelitalia.net….

falsi siti enel

Sorgente: Virus informatici in mail, la Polizia chiude 17 falsi siti Enel – La Stampa

This Post Has Been Viewed 58 Times

Precedente Ilaria D'Amico, bikini e pancione Successivo Gerry Scotti, la verità sull'addio alla tv